photokina 2016

Photokina 2016: la fotografia analogica avrà ampio spazio

Ritorna la Photokina, la fiera biennale più prestigiosa dell’industria fotografica, come sempre ambientata nella bella città di Colonia, in Germania. L’edizione del 2016, che si terrà dal 20 al 25 Settembre, sarà al solito ricchissima di espositori, con un sempre maggiore spazio dedicato agli stand di droni e realtà virtuale, che sembrano avere la potenzialità di attrarre un grande pubblico, facendo concorrenza ai soliti stand-villaggi dei grandi nomi della fotografia digitale. In mezzo a questo mare-magnum di elettronica non mancheranno però stand di aziende che trattano, a vario titolo, di fotografia ai sali d’argento, il tipo di fotografia che chiaramente su analogica.it amiamo di più!

Parliamo di più 30 società che hanno deciso di investire in uno spazio alla Photokina per mostrare i loro prodotti dedicati alla fotografia tradizionale, in barba a chi anni fa già cantava il requiem della pellicola, profetizzandone la completa scomparsa entro brevissimo tempo.

photokina colonia

Facciamo qualche nome

Quali espositori dunque tratteranno di fotografia analogica? Elenchiamone alcuni, partendo dai più grandi.

Leica: pur avendo sposato da tempo il digitale, producendo fotocamere eccellenti ma dai prezzi come sempre di lusso, produce ancora fieramente più di una fotocamera a telemetro a pellicola della serie M. L’ultima, la M-A, è stata presentata solo due anni fa proprio alla Photokina.

Fujifilm: protagonista di un recente risveglio di interesse nel grande pubblico grazie alla sua serie di fotocamere digitali compatte e mirrorless serie X, sarà impegnata al Photokina anche nella promozione dei suoi prodotti analogici, anche se qualcosa ci fa pensare che lo spazio dedicato alle sue fotocamere e pellicole Instax a sviluppo istantaneo sarà di gran lunga maggiore di quello dedicato alle sue splendide pellicole diapositive e negative professionali.

fujifilm photokina

Kodak Alaris: Ma come? Kodak non era morta?! Tra il 2011 e il 2012 tante pseudo-testate giornalistiche avevano dato questa notizia, travisando quello che era il procedimento di ristrutturazione finanziaria della pachidermica azienda americana. Il risultato è stato uno spezzettamento in tante piccole Kodak. La “nostra” Kodak è quella chiamata “Kodak Alaris”. Lei produce e produrrà per molti anni a venire alcune delle nostre pellicole fotografiche preferite, nonché le pellicole cinematografiche Vision3. Molto probabilmente alla Photokina 2016 verrà mostrato anche il modello definitivo della nuova cinepresa Super 8, presentata all’inizio di quest’anno.

Photokina Kodak

Jobo: L’azienda tedesca Jobo, nota per i suoi accessori per la camera oscura, ha presentato pochi giorni fa la nuova sviluppatrice a rotazione per pellicole e carte Jobo CPE-3, che va ad aggiornare la gloriosa CPE-2 che molti iscritti al nostro forum, incluso il sottoscritto, utilizzano con piacere. Questo annuncio, unito a quello di pochi anni fa della Jobo CPP-3 (aggiornamento della professionale CPP-2) la dice lunga su quanto siano infondate le voci di un calo di interesse nei confronti della fotografia analogica.

Adox: è una delle più piccole aziende produttrici di pellicole, carte e chimica, ma anche una delle più impegnate. Sono sue alcune delle attuali carte e pellicole bianco e nero più apprezzate. Recentemente ha annunciato la pellicola Adox Scala 160, un revival della storica diapositiva bianco e nero Agfa Scala, che il nostro amico Sandro (che dell’argomento se ne intende come pochi e che ha potuto provare la Adox Scala in anteprima) ha così giudicato sul nostro forum: “Il risultato, posso permettermi di scriverlo a caratteri cubitali, è STREPITOSO !!! Non fa rimpiangere assolutamente la vecchia Agfa Scala, il contrasto è perfetto, la gamma tonale anche, le trasparenze, calibrate opportunamente, sono anche esse entusiasmanti e restituiscono quella meravigliosa sensazione di respiro delle diapositive in bianco e nero; infine il tono è squisitamente neutro.”

Photokina adox

Ilford: la Ilford Imaging, produttrice di carte per la stampa a getto di inchiostro, sarà presente con un proprio stand, mentre la Ilford Photo, quella che produce pellicole e carte per la fotografia in bianco e nero, non sarà presente ufficialmente quest’anno alla Photokina. Si troveranno comunque i suoi prodotti in mostra presso gli stand dei distributori di materiale fotografico, come ad esempio Maco.

Bellini Foto: è un’azienda italiana di chimica fotografica, che si è fatta conoscere anche tra gli amatori grazie ai suoi kit di sviluppo nei formati da un litro, per colore e bianco e nero, sia di pellicole che di carte. Tra i suoi prodotti spicca il kit per l’inversione di pellicole bianco e nero, un ottimo prodotto che ha restituito a molti la gioia di ottenere in casa diapositive in bianco e nero con relativa facilità.

Tetenal: l’azienda tedesca Tetenal ha affiancato negli ultimi anni la produzione di soluzioni per la stampa ink-jet ai suoi prodotti chimici per la fotografia. A noi analogici chiaramente interessano più i secondi. Ultimamente il loro kit Colortec E6 per lo sviluppo di diapositive in soli 3 bagni più lo stabilizzatore è diventato introvabile nella confezione da un litro, quella più usata da noi fotoamatori. Speriamo che in occasione del grande evento di Colonia arrivi da parte di Tetenal un chiarimento sulla futura disponibilità del Colortec E6 in questo formato.

BlackMagic Design: cosa c’entra con la pellicola BlackMagic, che è nota per le sue cineprese digitali e per i suoi software per la postproduzione cinematografica? Tra i suoi gioielli c’è anche il Cintel, un apprezzato film scanner per pellicole cinematografiche, indispensabile per digitalizzare i film girati in pellicola, per successivo coloring digitale o semplicemente per la distribuzione nelle sale non dotate di proiettori a pellicola. Merita di essere visto in azione!

Maco Photo: Molti di noi iscritti a analogica.it abbiamo acquistato almeno una volta dal rivenditore tedesco Maco, specializzato in fotografia analogica, sul sito www.macodirect.de . Il loro stand alla Photokina 2016 sarà l’occasione per vedere da vicino molti prodotti di aziende che non sono presenti con un proprio stand.

Impossible Project: L’azienda che è riuscita nel progetto impossibile (da qui il nome) di produrre nuove pellicole a sviluppo istantaneo per le vecchie fotocamere Polaroid sarà alla Photokina. Quest’anno ha presentato anche la sua prima fotocamera, la Impossibile I-1, che permetterà all’azienda di affrancarsi dal mercato dell’usato delle vecchie fotocamere Polaroid e di avere nuovi introiti che, se lo augurano in molti, saranno reinvestiti nell’ulteriore miglioramento delle emulsioni, già adesso molto progredite rispetto alle versioni dei primi anni, ma comunque a detta di molti utilizzatori non ancora all’altezza né delle Polaroid di un tempo né delle attuali Fujifilm Instax.

impossible I-1

Linhof: Fotocamere analogiche di medio formato e grande formato di altissima qualità, ma anche stativi professionali e altri accessori. Di meraviglie da vedere ce ne sono molte!

Lomography: Sarà a Colonia con un suo stand anche Lomography, forse l’azienda più furba della storia della fotografia, che ha fatto la sua fortuna vendendo a caro prezzo fotocamere inaffidabili e pellicole scadute. Beati loro!

Cinestill: Si tratta della società che ha reso disponibili per uso fotografico alcune note pellicole cinematografiche, privandole preventivamente dello strato rem-jet. Non essendo accessibile in piccoli kit il procedimento ECN-2 per lo sviluppo delle negative colore cinematografiche, le Cinestill vanno sviluppate in C-41. La resa cromatica che risulta da questo cross-processing è comunque apprezzata da alcuni.

Bergger: La francese Bergger sarà presente con pellicole, carte e prodotti chimici per il bianco e nero.

Foma: Le proposte della ceca Foma si distinguono per un buon rapporto qualità prezzo. In mostra pellicole, carte e chimica per il bianco e nero.

New55: la piccola start-up non sarà presente con un proprio stand, ma i suoi prodotti saranno in mostra allo stand del distributore di materiale fotografico Photoimpex.

Heiland: Questa azienda tedesca è nota per i suoi accessori per la camera oscura e per le esclusive teste Splitgrade a LED, disponibili per molti tipi di ingranditori.

Alpa: L’azienda svizzera propone eccellenti fotocamere di grande e medio formato per dorsi e chassis a pellicola ma anche digitali.

Mancano tre settimane

Ancora poco tempo e la Photokina 2016 inizierà. Abbiamo voluto dimostrarvi che, benché il digitale la faccia da padrone, la fotografia all’argento si difenda bene all’evento tedesco. Chi di voi andrà a Colonia per vedere da vicino i suoi oggetti del desiderio?

Un pensiero su “Photokina 2016: la fotografia analogica avrà ampio spazio

  1. Pingback: Tenetivi forte: la Kodak Ektachrome sta tornando | pensando.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *